domenica 3 agosto 2014

VESPRO D'AGOSTO ( Gabriele D'Annunzio)

Rientran lente da le liete pesche
    sette vele latine,
e portan seco delle ondate fresche
    di fragranze marine.

Son bianche, rosse, gialle e su ci raggia
    l'occhiata ultima il sole;
s'allunga a l'aura una canzon selvaggia
    d'amore e di viole.

Ne 'l ciel di perla le rondini brune
    ricaman voli a sghembo;
non si vede del mar là tra le dune
    che un cinereo lembo.

Il fiume è pieno di riflessi ; a schiera
    le sette vele stanche
vengon innanzi insieme con la sera:
    son gialle, rosse, e bianche.

Nessun commento:

Posta un commento