domenica 31 agosto 2014

LA CAPANNA ( Sebastiano Satta 1867 - 1914)

Dolce, o capanna, quando agli uragani
la selva si querela e si dispoglia,
riparar nel tuo nido, sulla spoglia
d'un montone, e parlar di cacce e cani.

Ma più dolce, se ridano i lontani
fuochi dei poggi, e palpiti ogni foglia
alla sera, indugiar sulla tua soglia
erbosa, tra il brusio largo dei piani.

Sulla giogaia pendono ghirlande
di stelle: van le greggi per profonde
serenità, fra luccicar di fonti.

Poi, nell'ombra, un nitrito! Ché già grande,
tra mormorii di rivoli e di fronde,
s'alza la luna a benedire i monti.

Nessun commento:

Posta un commento